SNG Opera in balet Ljubljana / Teatro di opera e balletto

Aggiungo a My Visit Aggiungi a MyVisit

Il teatro nazionale sloveno Opera e balletto (SNG Opera in balet) Ljubljana vanta un vasto programma di opere liriche, di balletto e concerti del repertorio classico e moderno. L'orchestra, le compagnie di opera lirica e di balletto, in una stagione eseguono circa 150 spettacoli in casa e all'estero e collaborano con successo con produttori e creatori esteri. Tra gli spettacoli che hanno avuto più grande eco, di coproduzione internazionale, troviamo Faust, Aida, Le Fate del Reno, L'amore per tre arance e altri.

Il palazzo dell'opera, costruito nel 1892, vanta una storia interessante. A cavallo dei secc. XIX-XX, fu sede del Teatro tedesco e del Teatro regionale sloveno con dramma e opera lirica. Nel 1918 furono fondati l'orchestra e la compagnia di balletto che dopo la seconda guerra mondiale con una serie di tournée di grande eco si iniziò ad affermare anche al di là dei confini.

Orario

Il centro informazioni e la biglietteria sono aperti da lunedì a venerdì tra le 10.00 a le 17.00.

 

Dettagli sul posto

L'edificio dell'Opera di Lubiana, originariamente Teatro regionale, fu costruito in stile neorinascimentale dal 1890 al 1892 su progetto degli architetti boemi Jan V. Hraský ed Anton Hrubý. Fino alla costruzione del teatro tedesco nel 1911 (cioè dell'edificio dell'attuale Drama) qui furono rappresentate commedie in sloveno e in tedesco, successivamente solo in sloveno.

Nelle due nicchie della facciata ci sono le sculture di Alojzij Gangl che raffigurano alle allegorie della Tragedia e della Commedia. Caratteristica dell'aspetto esterno dell'edificio è la facciata riccamente ornata sopra l'ingresso, con colonne ioniche che sorreggono il poderoso timpano. Qui sono collocate le statue che raffigurano la Poesia e la Gloria, sopra c'è invece la statua del Genio con una fiaccola, anch'essa ad opera di Alojzij Gangl. Davanti all'edificio teatrale, su zoccoli di pietra, sono i busti degli attori e registi sloveni Anton Verovšek ed Ignacij Borštnik, opere dello scultore France Kralj (1921), mentre sul lato destro si erge il ritratto scultoreo del cantante lirico Julij Betetto dello scultore Stojan Batič.

Nelle vicinanze